flauto traverso

FLAUTO TRAVERSO

Il corso inizia con lo studio della respirazione, punto centrale della tecnica di qualsiasi strumento a fiato. Contemporaneamente il primo periodo comprende la messa a punto della tecnica della formazione del suono, con esercizi specifici sviluppati con la sola imboccatura e poi con lo strumento, quindi produzione degli armonici e studi relativi.
Gli studi sviluppano progressivamente la lettura, il controllo del suono e delle dinamiche, il timbro, l'intonazione, l'articolazione, la meccanica. Necessariamente si comprenderà lo studio di scale, arpeggi, intervalli, oltre a quello di svariati libri, anche di tipo specifico dedicati a un aspetto tecnico o metodi.
I linguaggi musicali che si affrontano sono da "customizzare" con l'allievo (jazz, classica, contemporanea, pop, fusion, funky, leggera ecc.). Il repertorio dunque, è strettamente legato a questa scelta.
Durante il corso è possibile parallelamente studiare teoria, solfeggio e armonia. E' bene, inoltre, che l'allievo affronti, con il maestro, anche l'aspetto del suonare "live" attraverso la partecipazione a laboratori e infine ai saggi della scuola, che costituiscono la palestra necessaria per capire ciò che significa suonare.

sax tenore, contr, sopr

SAX

1° Livello
Il suono: tecnica di emissione, studio delle imboccature e della scelta delle ance, esercizi di mantenimento e intonazione, respirazione.
La diteggiatura: esercizi sulle scale maggiori e minori, sugli intervalli e arpeggi su tutta l'estensione dello strumento.
La lettura: solfeggio ed esecuzione di studi di meccanismo col metronomo.

2° Livello
Il suono: perfezionamento della capacità di scelta del proprio suono anche attraverso l'ascolto e l'imitazione degli interpreti più significativi della Storia della Musica.
La diteggiatura: trascrizione di linee melodiche e di temi importanti dal punto di vista della diteggiatura e del rilievo melodico (patterns); trasporto nelle 12 tonalità, accordi, swing.
La lettura: studi cantati e di meccanismo, studio della partitura di sezione e orchestrale nella musica commerciale.

3° livello
Lo strumento: cenni sulle tecniche di costruzione, materiali e assemblaggio degli strumenti nelle varie epoche in relazione ai vari modelli di sassofono.
L'improvvisazione: tecnica per la trascrizione degli assoli suggeriti o scelti dall'allievo; memorizzazione dei brani e delle strutture; costruzione del repertorio personale.
Armonia jazz e improvvisazione anche con l'ausilio del pianoforte ed infine, analisi degli stili sassofonistici.

violino

VIOLINO

Il corso di violino si articola sinteticamente secondo i seguenti argomenti:

Approccio allo strumento: la corretta postura e la tenuta dell'arco.

La mano sinistra:
- intonazione e prima posizione
- cambiamenti di posizione
- scale e arpeggi
- doppie corde

La mano destra:
- produzione del suono: velocità, pressione e punto di contatto dell'arco
- colpi d'arco

Gli esercizi giornalieri: progettazione dello studio quotidiano

- studi tecnici, sonate e piccoli concerti di autori del XVII e XVIII secolo

- il violino nel contesto musicale non classico
- musica dal mondo
- musica leggera

Share by: