Musica in fasce da 0 a 36 mesi

E' una metodologia che trae le sue origini dalla Music Learning Theory di Edwin Gordon e dai successivi contributi di Beth Bolton, direttore della Fondazione Early Childhood Music alla Temple University di Philadelphia.

Musica in Fasce è una metodologia che permette di arricchire le potenzialità espressive del bambino immergendolo in uno spazio sonoro, ludico, affettivo-relazionale, in cui egli può imparare a "pensare" musicalmente ed esprimersi attraverso il linguaggio musicale, con la stessa spontaneità e naturalezza con cui apprende a pensare ed esprimersi attraverso il linguaggio verbale.

 

A CHI SI RIVOLGE

Bambini nella fascia 0 - 36 mesi. Al corso partecipa il bambino accompagnato da uno o da entrambi i genitori.

 

STRUTTURA DEGLI INCONTRI

Vocalità (melodie modali e canzoni ritmiche), movimento libero e strutturato insieme a genitori e bambini.

 

OBIETTIVI
Favorire nel bambino lo sviluppo del linguaggio e del pensiero musicale e del gioco simbolico; più in generale lo sviluppo socio-emotivo del bambino.
Favorire nella coppia genitore-bambino nuove modalità di interazione affettiva.

Propedeutica musicale per bambini da 3 a 7 anni

propedeutica musicale

Il mondo dei suoni, da sempre, ha avuto un ruolo primario nella vita del bambino.

Percepire i rumori e i suoni del suo ambiente e sperimentare le possibilità della sua voce, sono i primi approcci alla scoperta del mondo. Il ruolo dell’educazione musicale quindi nella scuola dell’infanzia è fondamentale per aiutare il bambino a mantenere e sviluppare la creatività e perciò dargli modo di esprimersi. I due grandi didatti Orff e Kodàly, insistono sull’importanza di accostarsi alla musica il più presto possibile, non cominciando subito con lo studio di uno strumento, ma partendo da una preparazione generale per ottenere una corretta intonazione e coordinazione dei movimenti.

Ci si propone di educare i bambini al suono e alla musica in un’ottica interdisciplinare integrando l’animazione, l’ascolto, e l’educazione musicale con la drammatizzazione, il linguaggio mimico gestuale e l’espressione grafico-pittorica. Ciò per sviluppare, nel bambino, una percezione sensoriale uditiva e una sensibilità e memoria affettivo-uditive che gli consentiranno di esprimersi e di comunicare in modo consapevole sia con i suoni che con la musica.

 

FINALITA’:

- migliorare la socializzazione inserendo il singolo nel gruppo e abituandolo ad accettare le regole di un progetto con l’assunzione di responsabilità e con l’aumento di autonomia

- promuovere e sviluppare l’attenzione, la concentrazione, la percezione, l’osservazione, la memoria

- stimolare le capacità psico-motorie

- sviluppare l’orientamento spaziale e temporale

- migliorare la dizione, l’espressività e le capacità linguistiche in generale

- favorire l’unitarietà della formazione attuando collegamenti interdisciplinari, tra la realtà sonora e i vari linguaggi espressivi

 

OBIETTIVI:

1. sviluppare la sensibilità uditiva :
- saper ascoltare e comprendere i fenomeni acustici
- esplorare le possibilità sonore del nostro corpo
- localizzare la provenienza spaziale dei suoni
- distinguere le caratteristiche del suono: altezza, intensità, durata, timbro
- riconoscere gli strumenti musicali per le loro caratteristiche timbriche
- riprodurre e memorizzare suoni e ritmi
- percepire in forma elementare il carattere espressivo della musica

2. sviluppare la voce :
- migliorare la scioltezza della respirazione
- esplorare le possibilità sonore della voce parlata e cantata
- prendere parte correttamente ad un’esecuzione vocale di gruppo

3. sviluppare il senso ritmico :
- saper eseguire sequenze ritmiche con il battito delle mani e con altre parti del corpo
- saper eseguire sequenze ritmiche con strumenti a percussione

4. sviluppare l’espressione corporea :
- migliorare la capacità di coordinazione motoria
- assimilare schemi ritmici attraverso il movimento

5. favorire il rapporto con gli strumenti :
- esplorare le possibilità sonore degli strumenti a percussione e a barre
- assimilare i concetti di acuto-grave, forte-debole, lungo-corto, lento-veloce
- prendere parte correttamente ad esecuzioni d’insieme

ARGOMENTI:

Il suono, la voce parlata e cantata; musica e favole, musica e movimento, musica e gioco, musica e ascolto. Si terrà conto nella scelta del materiale didattico del progetto curriculare scelto dal collegio docenti.

METODOLOGIA:

Le attività verranno svolte seguendo un metodo globale che abbia anche carattere imitativo e in particolare ludico poiché è attraverso il gioco che si sviluppano le capacità socio-affettive, motorie, espressive, intellettuali. Le strategie didattico-educative seguiranno fondamentalmente i contenuti e i criteri della metodologia Orff-Schulwerk che intende le attività come mezzi di crescita artistica globale, ampia e completa e che, per la sua flessibilità può essere manipolata in base a necessità, volontà e possibilità di ogni contesto lavorativo.

 

I nostri progetti: MUSICA A SCUOLA

La Casa dell'Arte organizza in collaborazione con le scuole svariati progetti di sensibilizzazione musicale, fra cui:

- lezioni concerto

- laboratori musicali a cadenza settimanale

- propedeutica musicale nelle scuole

Coro

sala prove

CORO

Il corso è rivolto a tutti quelli che amano la buona musica e che hanno voglia di imparare ad usare la propria voce in armonia con le altre.

La voce umana, in quanto tale, è istintiva e spesso non educata ad una corretta intonazione delle note musicali, aspetto questo fondamentale per chi segue un corso di tecnica del canto e per chi si dedica allo studio di uno strumento musicale. La coscienza della propria voce ci permette di rafforzare la tecnica dello strumento e di eseguire i brani con maggiore espressione, ascoltando, col proprio orecchio musicale, quello che suoniamo o che cantiamo.

Il repertorio sarà di vario genere, dalla musica antica fino ad oggi, da quella moderna al jazz a quella popolare, eseguiti all'unisono, a canone, in polifonia ed in contrappunto.

Canto

corso canto moderno e lirico

CANTO moderno, pop, jazz, lirico, multistyle

canto multistyle - Il corso di canto ha come obiettivo principale l'insegnamento della tecnica necessaria al corretto funzionamento dell'organo vocale, nonchè dello strumento voce, mediante esercizi di respirazione costo-diaframmatica-addominale, logopedici, hamming, di articolazione e pronuncia.

Una buona tecnica permette la padronanza dell'emissione sonora, applicabile ad ogni stile musicale, per affrontare un repertorio vasto che va dalla musica nazionale a quella internazionale.

Obiettivo del corso multistyle, oltre all'apprendimento della tecnica vocale necessaria alla preservazione dell'organo fonatore, è quello di indirizzare verso il genere musicale e il tipo d'emissione più adatto ad ogni singolo allievo.

 

canto pop - il corso si rivolge gran parte della sua attenzione allo studio e allo sviluppo a pieno dello "strumento voce", senza modificarla artificiosamente ma, cercando di renderla "particolare" ed "unica" semplicemente accostandola allo stile che più si confà ad essa.

Il repertorio affrontabile, oltre a plasmarsi in modo personalizzato sui singoli allievi, permette di ripercorrere gli evergreen della musica leggera fino al pop più attuale, italiano e internazionale.

Vi è inoltre un particolare studio in fase di sperimentazione, dedicato alle persone cosiddette "stonate" (per meglio dire diseducate al canto) che riesce nel 90 % dei casi a rieducare l'orecchio e la voce di questi ultimi.
Tra le altre, vi è una notevole predilezione per l'insegnamento del canto ai bambini. Per loro è infatti adottato un metodo giocoso e divertente che rende la lezione un momento ricreativo ed educativo al tempo stesso.

 

canto lirico - Per gli amanti della musica lirica, la scuola mette a disposizione un percorso alternativo allo studio della musica moderna.
Anche in questo caso il programma prevede svariati obiettivi: preparare l'allievo tecnicamente attraverso un'approfondita conoscenza dell'organo fonatore, il controllo del sostegno e della risonanza in maschera, nonché l'acquisizione dell'agilità; e fornirgli una vasta gamma di brani appartenenti ai grandi classici della musica lirica.

Share by: